Trust e Passaggio Generazionale

Trust e Passaggio Generazionale

Il trust può essere utilizzato anche per attuare un passaggio generazionale nell’impresa.

Con questo strumento, infatti, è possibile trasferire l’azienda o le partecipazioni sociali di controllo ad un trustee, il quale le deterrà con le modalità e per il periodo individuato dal disponente fino al loro definitivo trasferimento ai beneficiari. Il vantaggio di utilizzare il trust per porre in essere questa operazione risiede nella possibilità di differire nel tempo l’attribuzione ai beneficiari (si pensi al caso in cui l’imprenditore voglia “saltare” una generazione e beneficiare nipoti che, all’epoca dell’atto istitutivo siano ancora minori).

Per attuare tale passaggio generazionale, qualora esso debba avvenire in seno alla compagine familiare, è possibile anche combinare il trust con il patto di famiglia (disciplinato agli artt.768-bis e seguenti del codice civile).

Tale operazione appare estremamente conveniente anche dal punto di vista fiscale, poiché l’assegnazione dell’azienda o delle partecipazioni andrà esente dall’imposta di successione e donazione, come previsto dall’art.3, comma 4-ter del Testo Unico delle disposizioni concernenti l'imposta sulle successioni e donazioni (Dlgs 346/1990).

Come chiarito dalla Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 23 aprile 2009, n. 110, infatti, tale esenzione si applicherà anche al trust qualora:

Avvocato Saverio Bartoli, Firenze

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.