Il Guardiano

Il Guardiano

Il guardiano del trust è quel soggetto individuato nell’atto istitutivo dal disponente ed al quale sono solitamente conferiti vari poteri di controllo sull’attività amministrativa del trustee.

Il ruolo di guardiano, il quale svolge il proprio incarico nel superiore interesse dei beneficiari, è ricoperto dal disponente stesso ovvero da un soggetto che gode della sua fiducia (può trattarsi quindi di un familiare, di un amico oppure di un professionista di fiducia).  

Il contenuto e l’estensione di detti poteri di controllo può essere configurato nel modo più vario dal disponente, il quale può giungere fino al punto di prevedere che talune delle attività di straordinaria amministrazione del trustee debbano essere previamente autorizzate dal Guardiano.

Nell’atto istitutivo, inoltre, si potrà prevedere che il guardiano abbia il potere:

- di nominare e revocare il trustee;

- di fornire direttive, più o meno vincolanti, al trustee.

L’ufficio di Guardiano, si badi, a differenza di quanto può affermarsi per quello di trustee, non è indispensabile ai fini dell’esistenza di un trust con beneficiari (la sua presenza è, invece obbligatoria in un trust “di scopo”, cioè privo di beneficiari).

Pare comunque evidente che la presenza di un Guardiano sia raccomandabile, in quanto essa costituisce, per il disponente, una garanzia ulteriore in ordine al rispetto, da parte del trustee, delle prescrizioni contenute nell’atto istitutivo.

Avvocato Saverio Bartoli, Firenze

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.