Per Revocare il Trustee o il Guardiano occorre una Giusta Causa?

Contattaci per maggiori informazioni
Per Revocare il Trustee o il Guardiano occorre una Giusta Causa?

La Giusta Causa nella Revoca del Trustee e del Guardiano

La questione della revoca del trustee o del guardiano per giusta causa è assai controversa.

L'impostazione che appare corretta (perché è conforme a quella fatta propria dalla giurisprudenza inglese e, dunque, ai principii del diritto dei trust) è quella che nega l'esigenza di una giusta causa (cioè di un grave inadempimento) per revocare il trustee o il guardiano, poiché si tratta di incarichi con una forte connotazione fiduciaria.

Non parrebbe, dunque, possibile estendere ad essi i principii che valgono, ad esempio, per la revoca di un mandatario in rem propriam, la quale è infatti inefficace in mancanza di una giusta causa (cfr art.1723 secondo comma cc).

L'irrilevanza della giusta causa ai fini della revoca del trustee o del guardiano dovrebbe condurre, altresì, ad escludere che, in sua assenza, il soggetto revocato possa chiedere un risarcimento del danno (ad esempio perché tale revoca gli ha impedito di incassare ulteriori compensi per il suo ufficio).

La suddetta connotazione fiduciaria degli incarichi in esame, infatti, parrebbe rendere non estendibili ad essi i  principii che valgono, ad esempio, per la revoca dell'amministratore di una società di capitali, la quale è infatti efficace a prescindere dall'esistenza di una giusta causa ma, in sua assenza, fa insorgere pretese risarcitorie in capo all'amministratore revocato (cfr art.2383 terzo comma cc).

Qual è la posizione della Giurisprudenza Italiana?

I precedenti giurisprudenziali in tema di revoca del trustee o del guardiano per giusta causaoffrono un quadro estremamente incerto, come risulta da questa breve rassegna.

Conclusioni e Osservazioni Finali

E' noto che, se una questione giuridica è controversa, vi sono elevate possibilità che essa sia fonte di liti giudiziarie, le quali rischiano di esporre un trust ad una paralisi operativa.

Per prevenire un siffatto inconveniente, dunque, sarebbe auspicabile che le clausole dell'atto istitutivo concernenti la revoca del trustee o del guardiano fossero redatte con maggiore attenzione, non solo evitando di menzionare (come purtroppo accade assai spesso) l'esigenza di una giusta causa, ma anche facendo ricorso ad ulteriori accorgimenti. 

Avvocato Saverio Bartoli, Firenze

 Può interessarti anche:

Contattaci

Informato ai sensi dell’informativa di cui all’art.13 del Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR), recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni.