Trust Opaco e Trust Trasparente

Trust Opaco e Trust Trasparente

In un trust discrezionale il trustee, sia esso un terzo o lo stesso soggetto disponente (è il caso del trust autodichiarato), ha il dovere di scegliere se effettuare o meno determinate prestazioni in favore di un beneficiario del reddito (onde, ad esempio, per fargli mantenere un certo tenore di vita ovvero per esigenze di altro tipo, come accade in un trust istituito a favore di un disabile grave per realizzare il cosiddetto Dopo di Noi).

In questi casi si parla di trust “opaco”, cioè di un trust la cui entità delle erogazioni in favore dei beneficiari non è determinata, ma – appunto - rimessa alla discrezionalità del trustee.

Dal punto di vista fiscale, tutti i redditi prodotti da questo tipo di trust vengono tassati con l’imposta IRES, come accade per le società di capitali (si badi che il trust non è un ente, ma a tali fini fiscali esso viene trattato come se lo fosse).

Si parla, invece di trust “trasparente” quando le attribuzioni reddituali ai beneficiari sono già individuate nell’atto istitutivo (si pensi al caso in cui il trustee debba erogare loro, ogni mese, una determinata somma).

Dal punto di vista fiscale, questi flussi reddituali vengono, invece, tassati in capo ai beneficiari come redditi di costoro e scontano, pertanto, la relativa imposta sui redditi (IRPEF) in base ai loro rispettivi scaglioni di riferimento.

Dal punto di vista operativo, si osserva come il trust “opaco” appaia la soluzione preferibile per i seguenti motivi:

Un ulteriore accorgimento atto a ridurre il rischio di tali aggressioni consiste nel prevedere nell’atto istitutivo che il trust possa decidere non di erogare somme al beneficiario, ma di impiegarle direttamente a suo favore (ad esempio versando direttamente al venditore il prezzo necessario per l’acquisto di un bene da parte delbeneficiario).

Avvocato Saverio Bartoli

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.