Debiti del Trust: Quando il Trustee Rischia di Pagare di Tasca Propria

Contattaci per maggiori informazioni
Debiti del Trust: Quando il Trustee Rischia di Pagare di Tasca Propria

La Separazione Patrimoniale Prodotta dal Trust e la Responsablità Personale per Debiti del Trustee

La gestione dei beni in trust da parte del trustee è spesso fonte di debiti.

Si pensi, per esempio, al caso del trustee che abbia appaltato ad un terzo i lavori di ristrutturazione di un immobile in trust o a quello delle spese condominiali).

È dunque di fondamentale importanza comprendere se il trust che si intende istituire espone o meno il Trustee al rischio di doverli pagare con il proprio patrimonio personale invece che impiegando il patrimonio in trust. 

In altri termini, è di fondamentale importanza comprendere se il trust sarà fonte di una separazione patrimoniale di tipo unilaterale o bilaterale.

In estrema sintesi:

La Legge Regolatrice del Trust Determina il Meccanismo di Separazione Patrimoniale da Esso Prodotto

Tanto premesso, si deve evidenziare che il tipo di separazione prodotta è determinato (come ha già riconosciuto la nostra giurisprudenza; cfr Trib.Reggio Emilia 14/3/2011 e Cass. n°28363/2011) dalla legge regolatrice del Trust scelta da colui che lo istituisce.

Questo delicato problema, però, viene spesso ignorato, tanto è vero che accade molto spesso di imbattersi in trusts interni disciplinati da una legge regolatrice che fa sorgere una separazione unilaterale: in tali casi, dunque, l’ignaro Trustee contrae debiti mettendo a repentaglio il suo patrimonio personale.

Ne consegue che in questi casi, a ben guardare, il creditore della gestione (ovvero colui il cui credito è sorto in conseguenza dell’attività gestoria svolta dal Trustee), ben potrà aggredire direttamente i beni personali del Trustee.

Considerazioni Finali

È dunque necessario che la scelta della legge regolatrice del trust sia, sotto il profilo in esame, particolarmente attenta.

Avv.Saverio Bartoli, Firenze

Può interessarti anche:

Contattaci

Informato ai sensi dell’informativa di cui all’art.13 del Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR), recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni.