Studio Legale Saverio Bartoli Italy-Trust Lawyers Italy-Trust Lawyers
Italy-Trust Lawyers

Tribunale di Torino 27 dicembre 2011

Il trustee di un trust mediante il quale è stata lesa una quota di legittima è legittimato passivo nell’azione di riduzione promossa del legittimario pretermesso.

Nel caso di specie, Tizio, pochi giorni dopo avere istituito con atto fra vivi un trust avente ad oggetto le sue partecipazioni totalitarie in due società di capitali, destinato a durare 30 anni ed avente quali beneficiari in parti uguali i suoi quattro figli (due dei quali avuti dalla convivente more uxorio Sempronia), era deceduto ab intestato, lasciando quali eredi legittimi del suo restante patrimonio la moglie separata Caia ed i suddetti figli.

Caia, ritenendo il trust in oggetto lesivo dei suoi diritti di legittimaria (l’eredità relitta dal de cuius, infatti, aveva infatti un saldo negativo), aveva agito in riduzione contro il medesimo, convenendo in giudizio la trustee Mevia (nipote del disponente) ed i quattro beneficiari: prima di decidere il merito del giudizio, l’adito giudice, respingendo un’eccezione a tal riguardo sollevata, ritiene Mevia legittimata passiva rispetto all’azione di riduzione.

Di seguito un passo del citato provvedimento: “…pacifica è la legittimazione passiva del trustee per quanto concerne I'azione di riduzione. Nell'azione di riduzione di donazioni contrattuali dirette legittimato passivo è la controparte negoziale del donante defunto: v'è, infatti, perfetta coincidenza tra il depauperamento del patrimonio del de cuius e l'arricchimento del patrimonio del donatario. Tale simmetria non ricorre necessariamente nelle donazioni e negli atti a titolo gratuito indiretti, tra i quali rientrano le disposizioni di trust in esame. Qui il diritto potestativo dell'erede pretermesso di ridurre le liberalità lesive fa sorgere - tramite una sentenza costitutiva - un diritto di credito di quest'ultimo nei confronti del gratificato. Analogicamente, nel caso in esame, una volta apertasi la successione e accertata (almeno a livello potenziale) Ia lesione della legittima, deve riconoscersi all'attrice un'azione di impugnazione del programma di trust lesivo della legittima che individua come legittimato passivo il trustee, a cui favore iI de cuius ha disposto di beni di sua proprieta'”.

Provvedimento massimato dall’Avvocato Saverio Bartoli (riproduzione riservata)

Clicca qui per il testo del provvedimento

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.