Studio Legale Saverio Bartoli Italy-Trust Lawyers Italy-Trust Lawyers
Italy-Trust Lawyers

Tribunale di Torino 23 gennaio 2019

Qualora il decreto ingiuntivo sia stato notificato successivamente alla proposizione in via ordinaria di una domanda che si ponga in relazione di continenza con quella formulata in via monitoria, il Giudice dell’opposizione è tenuto ad annullare l’ingiunzione ed a rimettere le parti davanti al giudice della causa preveniente e non può, invece, mantenendo in vita il decreto, procedere nella cognizione dell’opposizione, oppure sospenderla ex art.295 c.p.c., in attesa della decisione dell’altra controversia.
Gli effetti della pendenza della controversia introdotta con la domanda di ingiunzione, pertanto, retroagiscono al momento del deposito del relativo ricorso, purché la domanda monitoria sia stata formulata davanti a giudice che, alla data della presentazione, era competente a conoscerla.
La continenza di cause sussiste anche qualora in uno dei due giudizi siano presenti anche uno o più soggetti  diversi, laddove, come nel caso oggetto del poresente provvedimento, sussista identità di titolo.

Clicca qui per il testo del provvedimento

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.