Studio Legale Saverio Bartoli Italy-Trust Lawyers Italy-Trust Lawyers
Italy-Trust Lawyers

Tribunale di Lodi 30 gennaio 2013

I beneficiari di un trust non sono liticonsorti necessari nel giudizio promosso per farne dichiarare la nullità, poiché essi non sono parti del negozio impugnato, il quale deve ritenersi un contratto stipulato dal disponente con il trustee, soggetti questi ultimi che devono ritenersi i soli legittimati passivi rispetto a tale domanda.

I beneficiari di un trust sono liticonsorti necessari nel giudizio promosso ex art.2901 cc per farne dichiarare la revoca, poiché: a) essi vantano diritti nei confronti del trustee e sul trust-fund (anche se si tratta di diritti solo eventuali che richiedono la mediazione del trustee) in maniera analoga a quanto accade per il coniuge del soggetto che ha costituito il fondo patrimoniale oggetto di revocatoria dato che anche nei confronti di quello (come beneficiario dell’atto) si spiegheranno gli effetti pregiudizievoli dell’accoglimento della domanda che riconosce al coniuge predetto la qualità di litisconsorte necessario in quanto ‘interessato sostanziale’ alla controversia ex art. 2901 c.c. (cfr Cass. 21494/11 e 1242/2012); b) la giurisprudenza di legittimità che ha sinora escluso il litisconsorzio, nella causa di revocatoria, dei figli della coppia che ha costituito il fondo patrimoniale; le medesime ragioni esposte nelle citate pronunce comportano, ragionando a contrario, la necessaria chiamata in causa dei beneficiari di un trust, istituito in favore di soggetti determinati o determinabili (vested in interest), per i quali non è meramente eventuale l’attribuzione dei beni in trust; c) essendovi un’esigenza di simmetria tra le opposte posizioni delle parti processuali, come si riconosce la legittimazione a proporre l’azione revocatoria anche al creditore titolare di un credito condizionato (cfr Cass. 2400/1990) o meramente eventuale (cfr Cass. 5863/1998), e quindi, privo di un diritto soggettivo certo, liquido ed esigibile nei confronti del debitore disponente, così deve ravvisarsi la necessità di coinvolgere nell’azione revocatoria di un trust i beneficiari contingent del medesimo, i quali vantano sui beni in trust un’aspettativa giuridica e godono di veri e propri diritti nei confronti del trustee.

Provvedimento massimato dall’Avvocato Saverio Bartoli (riproduzione riservata)

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.