Studio Legale Saverio Bartoli Italy-Trust Lawyers Italy-Trust Lawyers
Italy-Trust Lawyers

Tribunale di Genova - Giudice Tutelare 31 dicembre 2012

Caio, figlio di Tizio e Sempronia (divorziati), durante la minore età è rimasto vittima di un grave incidente stradale che ha determinato in lui, in particolare, una “fragilità ed instabilità dell’equilibrio psichico”.

Divenuto Caio maggiorenne, essendovi la necessità di gestire in modo adeguato l’ingente somma che gli sarebbe stata erogata a titolo risarcitorio, Tizio (con il quale Caio convive) viene nominato suo amministratore di sostegno.

Tizio è proprietario di due unità immobiliari, gravate da ipoteca a garanzia di un mutuo che egli ha contratto per acquistare da Sempronia, in esecuzione dell’accordo raggiunto con essa in sede di separazione, la quota indivisa dei detti immobili che le apparteneva.

Tizio, avendo in animo di contrarre a breve nuove nozze e di trasferire altrove la propria residenza, intende tutelare adeguatamente Caio ponendo in essere l’operazione che segue:

1) vendita a Caio, a prezzo inferiore a quello di mercato (e precisamente per un prezzo idoneo a consentire l’estinzione del mutuo ipotecario di cui si è detto), del diritto di abitazione vitalizio su una delle due unità immobiliari;

2) stipula, in qualità di affidante (cioè di disponente) di un contratto di affidamento fiduciario avente le seguenti caratteristiche: a) ne sarà affidatario Sempronia, che vive in un immobile non lontano e ricoprirà l’ufficio gratuitamente; b) ne sarà garante (cioè guardiano) lo stesso disponente, che ricoprirà l’ufficio gratuitamente; c) avrà quale oggetto le due suddette unità immobiliari; d) avrà quale finalità quella di far fronte ad ogni necessità di Caio; e) durerà fino alla morte di Caio ovvero fino al momento in cui egli eventualmente recuperi la piena capacità di agire.

Tizio, considerata la sussistenza di un conflitto d’interessi fra sé e Caio, adisce il Giudice Tutelare affinché lo stesso nomini un curatore speciale (che egli propone nella persona di Mevia, sorella di Sempronia) e l’istanza viene accolta.

Nei mesi successivi Mevia definisce, assieme agli altri soggetti coinvolti, i contenuti sia del contratto di acquisto del diritto di abitazione che del contratto di affidamento fiduciario (reperibile in TAF, 2013, 677 ss.); si evince dalla premessa del contratto che è maturata, altresì, la decisione di far aderire Caio, in qualità di ulteriore disponente, a quest’ultimo contratto, mediante trasferimento al gestore delle somme da egli ricevute a titolo di risarcimento del danno e non impiegate per l’acquisto del diritto di abitazione dal padre.

Vengono dunque emessi due ulteriori provvedimenti del Giudice Tutelare, per effetto dei quali Mevia ottiene l’autorizzazione a compiere le suddette operazioni negoziali in legale rappresentanza di Caio.

Provvedimento massimato dall’Avvocato Saverio Bartoli (riproduzione riservata)

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.