Italy-Trust Lawyers Studio Legale Saverio Bartoli Italy-Trust Lawyers Italy-Trust Lawyers
Italy-Trust Lawyers

La natura dell’attribuzione mortis causa al trustee di un trust testamentario

La natura dell’attribuzione mortis causa al trustee di un trust testamentario

di Saverio Bartoli (articolo pubblicato in Trusts ed attività fiduciarie 2004, pagg.58 e segg. e pagg.179 e segg.)

Sommario:

1. La vicenda

2. Cenni sul funzionamento della successione mortis causa nel diritto inglese

3. Osservazioni sulla vicenda di cui al § 1.

3.1 Non configurabilità del trust di cui trattasi in termini di trust interno; sue implicazioni

3.2 Opinabilità della qualificazione in termini di “legato” dell’attribuzione al trustee effettuata, nel caso di specie, dal testatore-disponente 

3.3 Probabile non identificabilità del trustee testamentario con la figura dell’erede o legatario del disponente

3.3.1 Diversità del momento acquisitivo

3.3.2 Peculiarità dell’obbligazione del trustee rispetto alle tradizionali obbligazioni testamentarie: raffronto fra trust testamentario ed istituzione d’erede o legato gravati da modus o (sub-)legato che assorbono l’intero valore dell’attribuzione mortis causa[42]

3.3.2.1 Premessa

3.3.2.2 Nozione e natura giuridica del modus testamentario

3.3.2.3 Criterio distintivo fra modus testamentario e legato

3.3.2.4 Ammissibilità di un legato o di un modus i quali assorbano l’intero valore dell’attribuzione; ammissibilità un legato o di un modus implicanti l’obbligo di vendere quanto ricevuto mortis causa

3.3.2.5 Impossibilità o illiceità, originarie o sopravvenute, del modus o del legato; legittimazione ad agire per l’adempimento del modus o del legato

3.3.2.6 Responsabilità intra vires o ultra vires dell’erede; responsabilità intra vires del legatario; problema se l’erede beneficiato risponda altresì cum viribus

3.3.2.7 Inconfigurabilità di una responsabilità cum viribus del legatario

3.3.2.8 Inadempimento del modus o del legato e caducazione del lascito che ne è gravato

3.3.2.9 Raffronto fra trust testamentario e disposizione mortis causa affetta da modus o (sub)legato che assorbe il valore dell’attribuzione

3.3.2.9.1 Considerazioni generali; talune fattispecie su cui riflettere

3.3.2.9.2 Analogie e differenze

3.3.2.10 Raffronto fra trust testamentario ed istituzione d’erede accettata con beneficio d’inventario e gravata da un modus o da un legato che esauriscono l’intero valore dell’attribuzione

3.3.3 Conclusioni

3.4 Le ragioni della probabile non identificabilità del trustee testamentario con la figura dell’esecutore testamentario[110]

3.4.1 Le analogie fra i due istituti

3.4.2 Le differenze fra i due istituti

3.4.3 Conclusioni

3.5 La tesi proposta: il trust istituito per testamento quale nuovo genus di operazione negoziale mortis causa

3.6 Talune implicazioni pratiche dell’eventuale adesione alla tesi proposta

3.7 Considerazioni conclusive in ordine alle modalità di trascrizione utilizzate nella vicenda descritta al § 1.

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.