Studio Legale Saverio Bartoli Italy-Trust Lawyers Italy-Trust Lawyers
Italy-Trust Lawyers

Cassazione penale n.50672/2014 – 3 dicembre 2014

In tema di trust e di appropriazione indebita da parte del trustee assumono rilevanza preminente sia il vincolo di destinazione che grava sui beni, sia l'esistenza di beneficiari del negozio fiduciario. A favore di questi ultimi deve indirizzarsi tutta l'attività di gestione dei beni e rapporti conferiti nel trust: l'intestazione formale del diritto di proprietà al trustee ha dunque valenza di proprietà temporale, sostanziata dal possesso del bene, sicuramente diversa da quella delineata nell'art.832 c.c. e svincolata dal potere di disporre dei beni in misura piena ed esclusiva.

Il potere esercitato dal trustee sui beni conferiti in trust, vincolato dal programma fiduciario, sembra dunque riconducibile al concetto generale di possesso penalmente rilevante.

La violazione del vincolo funzionale e la destinazione di beni conferiti in trust a finalità proprie del trustee e/o a finalità diverse da quelle per realizzare le quali il trust è stato istituito concreta quella interversione del possesso in proprietà che costituisce l’essenza del reato di appropriazione indebita.

Provvedimento massimato dall’Avvocato Fabio Clauser (riproduzione riservata)

Clicca qui per il testo del provvedimento

 

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati personali.
Consenso ai sensi dell'Informativa Art.13 del Regolamento UE n. 2016/679: In esecuzione dell'informativa, recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni. IN NESSUN CASO i suoi dati saranno ceduti a terzi a qualsiasi titolo.